Italia digitale tesa tra decrescita e opportunità emergenti

Il Rapporto Assinform 2011 delude le previsioni di crescita e delinea una situazione di reale incertezza circa il futuro del mercato ICT italiano, anche se non mancano i segnali positivi. Ecco un’analisi dettagliata

I dati emersi dal Rapporto Assinform 2011, e presentati a Milano il 20 giugno 2011 sembrano confermare un quadro di forte incertezza per il settore ICT italiano, tra delusione delle previsioni di crescita e nuove opportunità emergenti: ripercorrere i punti principali della “fotografia piuttosto dettagliata” (come l’ha definita il direttore Federico Barilli) fatta da Assinform ci aiuterà sicuramente a comprendere meglio i pregi, le carenze e le contraddizioni del nostro contesto nazionale.

Assinform è una delle associazioni più numerose di Confindustria, inquadrando oltre 500 imprese (tra dirette e territoriali), sintomo del fatto che “l’IT è un settore estremamente importante in Italia”: in particolare esso risulta il quarto per importanza, con 390 mila addetti e quasi 100 mila imprese.

Come sottolinea innanzitutto il presidente Paolo Angelucci in una delle slide di presentazione, il Rapporto Assinform, “giunto alla sua 42esima edizione”, “rappresenta un punto di riferimento consolidato ed esaustivo per l’analisi del settore ICT in Italia, a confronto con le principali economie mondiali: abbiamo cercato di dare al rapporto oltre che al classico ruolo di enumeratore dei risultati, anche un ruolo di momento di discussione sulle prospettive future”.

Il quadro del mercato italiano ICT è stato interpretato alla luce di alcuni risultati dell’andamento congiunturale: ogni tre mesi Assinform realizza una survey sui propri associati, basandosi su un campione significativo dell’industria italiana; la composizione dell’ultimo panel era di 43 aziende (su circa 180,) equamente distribuite tra piccole, medie e grandi imprese, e il mercato rappresentato da questo panel era di 4,423 miliardi di Euro: si tratta delle risposte di circa il 20% del mercato italiano, quindi una percentuale piuttosto significativa. Con riferimento a tale analisi, si è in primo luogo cercato di cogliere il confronto tra l’andamento globale degli ordini nella rilevazione di febbraio, relativa al 31 dicembre dell’anno scorso, e l’andamento della rilevazione di aprile, relativa al 31 marzo: “da una grandissima positività […], la migliore da quando è partito il panel (attualmente noi siamo alla decima rilevazione), si è passati sempre ad un un ottimismo, perché siamo passati dall’82% di aumento di ordini al 53% di aumento degli ordini”, però le imprese che giudicano come “molto migliorato” l’andamento degli ordinativi, è passata dal 64,7% al 7,3%. Quindi “mentre a dicembre c’era una grande euforia sull’andamento degli ordini, adesso a marzo si è ridimensionata”, e questo anche in relazione alle dimensioni dell’azienda: “c’è un ottimismo meno forte nelle piccole, buono nelle medie e migliore nelle grandi; però mentre a febbraio il 100% delle grandi imprese prevedeva un aumento degli ordinativi, attualmente solo il 58%” lo prevede. “Non sono dati negativi – continua Angelucci – ma c’è sicuramente un ridimensionamento delle aspettative”.

L’analisi è stata estesa anche alla valutazione del sentiment sul budget e sulle previsioni di spesa dei clienti Assinform (“ciò che noi associati Assinform pensiamo che i nostri clienti siano disposti a spendere”), dividendo tale valutazione in due parti: spesa corrente e nuovi progetti o investimenti. Con riferimento alla prima parte, si nota un andamento costante da circa un anno e mezzo, nel senso che il 40% delle imprese continua a dichiarare di voler risparmiare sulla spesa corrente. Con riferimento, invece, alla seconda parte, si è toccato il massimo dell’ottimismo nel febbraio 2011, quando si pensava che il 65% dei clienti Assinform “volesse investire o spendere di più in nuovi progetti; questo dato purtroppo si è ridimensionato e siamo tornati indietro esattamente di 15 mesi”. “È come se – commenta Angelucci – il clima […] non [di] pessimismo, ma di nebulosità del futuro (sia quello economico, che quello finanziario, che quello politico), faccia sì che le imprese […] abbiano ridimensionato le prospettive di investimento”. Tutto questo con inevitabili e pesanti ripercussioni nel futuro e nella vitalità del tessuto imprenditoriale italiano.

Sono stati poi ripercorsi gli elementi fondamentali del piano digitale nazionale, dell’“Agenda digitale per l’Italia”, ricordando l’importanza della cosiddetta “Agenda UE 2020”, quella serie di “obiettivi comuni a tutta Europa, che noi dobbiamo porci”, punto di riferimento per tutti gli stati membri. Tuttavia, uno dei limiti di tali obiettivi – evidenzia Angelucci – è che essi sono quasi tutti di natura quantitativa; secondo Assinform, invece, ci si dovrebbe porre anche degli obiettivi di natura qualitativa e uno dei mezzi con i quali l’associazione pensa di poter incidere in tal senso è la neonata “Confindustria digitale”: si tratta di una nuova Federazione ICT, creata da quattro associazioni (Assotelecomunicazioni-Asstel, Anitec, Aiip e Assinform) con l’appoggio di Confindustria e “chiamata a elaborare e proporre un progetto di digitalizzazione del Paese”, portando all’attenzione di tutti gli stakeholder, sia quelli centrali sia quelli periferici, i diversi problemi e le numerose opportunità che derivano dall’adozione di un’agenda digitale.

Si è posto, inoltre, l’accento sulla diffusione definita “carsica” dell’ICT nel Paese, intendendo, con tale definizione, il fatto che imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini hanno adottato in modo pervasivo e spontaneo le tecnologie ICT.
Sulla base degli elementi sin d’ora rilevati, Angelucci si è interrogato sulle strade da percorrere, giungendo alla conclusione che sia necessario innanzitutto assumere la consapevolezza della situazione e dell’uso delle tecnologie e subito dopo passare all’azione concreta, dando delle regole ben precise. In particolare, tre sono i filoni di interventi necessario, diretti al raggiungimento di tre specifici obiettivi.

Il primo riguarda l’efficienza dei servizi pubblici, il che significa: servizi condivisi e cooperazione applicativa tra le PA, accesso semplificato ai servizi (anche a pagamento), attivare un processo di switch-off (cioè di passaggio “forzato” ai servizi on-line) per le imprese e per i cittadini, che riduca  drasticamente il cartaceo; semplificazione, digitalizzazione e sburocratizzazione sono le tre parole d’ordine.

Il secondo obiettivo è rappresentato dall’innovazione nelle imprese: Assinform chiede “che venga rafforzato il concetto di utilizzo del credito d’imposta come misura coerente e costante, perché il credito d’imposta automatico è l’unica cosa che ci consente di rispettare i tempi dell’innovazione”. L’associazione, dal canto suo, deve “avere più stretti contatti e fare più sistema con le grandi filiere produttive” del Made in Italy (moda-tessile, alimentare, legno-arredo…), partendo dall’esperienza dei distretti e delle reti; questo perché lo sviluppo dell’economia italiana sarà legata principalmente all’expert, possibile solo attraverso un sistema di reti integrato, nel quale l’IT potrebbe fungere da “collante”. Assinform si dovrà, quindi, adoperare per attivare progetti basati sull’ICT, allo scopo di facilitare l’aggregazione per contesto produttivi tra grandi medie e piccole imprese.

Terzo e ultimo canale d’intervento coinvolge l’infrastrutturazione avanzata: la banda larga attualmente disponibile è sufficiente solamente per uso privato, per le imprese non sembra esserci abbastanza banda, soprattutto con riferimento ai distretti, dove “è indispensabile avere reti ad alta velocità, cioè reti ottiche”.

Allo scopo ottenere una reale integrazione, sarà necessario uno sforzo comune per combattere la disomogeneità nell’elaborazione e attuazione delle agende digitali da parte delle varie regioni italiane, con l’intento ultimo di giungere ad un allineamento delle agende digitali regionali all’agenda nazionale; questo sarà possibile, ovviamente, solo attraverso l’utilizzo di piani condivisi e tra loro coerenti e con lo sfruttamento delle best practices: “io credo – rivela Angleucci – che copiare in questo settore non sia mai un male, anzi un bene, e possibilmente […] copiare migliorando”.

Utilizzando un’azzeccatissima metafora, Giancarlo Capitani (amministratore delegato NetConsulting, che ha illustrato nel dettaglio i risultati del rapporto Assinform) descrive la situazione attuale del mercato ICT utilizzando “l’immagine del baco da seta che diventa farfalla: […] il baco a farfalla non perde la natura del baco, ma è un’evoluzione del baco”. Mentre, tuttavia, in natura questa metamorfosi avviene in quattro giorni, nel settore considerato questo processo di cambiamento è molto più faticoso e lento: nella fase attuale si assiste al passaggio dall’ICT tradizionale, come lo conosciamo, ad un’era digitale, quindi, rimanendo nella metafora, “dalla solidità un po’ vintage del baco, alla leggerezza e alla velocità della farfalla”. Vediamo, allora, un mercato fatto “a macchie”, con punti di crescita e di rallentamento, anche se una simile disomogeneità non rappresenta una prerogativa italiana, ma rappresenta un andamento generalizzato.

Il mercato mondiale dell’ICT nel 2010 è tornato ai livelli di crescita pre-crisi, ma anche in questo caso ragioniamo “a macchie”, a diverse velocità di sviluppo, con la zona Asia-Pacifico che ha quasi raggiunto l’Europa per dimensioni del mercato ICT, grazie alla presenza, in molti Paesi, di una classe media sempre più consistente e in grado di imporre un simile indice di sviluppo. Con riferimento alla crescita in volumi, complessivamente gli acquisti di tecnologie sono stati molto massicci: nel 2010 sono stati venduti quasi 1,5 miliardi di telefoni cellulari, 300 milioni di smartphone, 340 milioni di IPC; questo si è ripercosso nell’aumento del parco utenza legato alle nuove tecnologie: 2 miliardi di utenti internet (450 milioni solo in Cina), 537 milioni di utenti per la banda larga, quasi 5,3 miliardi gli utenti di cellulari (su una popolazione di 6,5 miliardi), 500 milioni gli utenti Facebook (ca. 18 milioni in Italia), 175 milioni gli utenti Twitter (1,3 in Italia). Questo indica che “siamo entrati nella fase di digitalizzazione di massa a livello mondiale”, ricorda Capitani.

Con riferimento non tanto alla penetrazione, ma soprattutto all’uso e al consumo delle nuove tecnologie, nel 2010 ci si è trovati di fronte ad una popolazione digitale ormai dipendente da tali tecnologie, costantemente connessa e, per questo, sempre più in grado di interagire e influenzare le scelte delle pubbliche amministrazioni, delle imprese e delle banche. Per questo motivo le nuove strategie di convergenza al digitale non sono più disegnate dai grandi strateghi dell’ICT, dai vendor ICT, ma sono le stesse modalità, gli stessi stili di utilizzo innovativo che impongono una ridefinizione dell’innovazione tecnologica e della formazione dell’ecosistema digitale.

Limitando la prospettiva al solo mercato italiano, è ovvio che la realtà delineata si ridimensioni e i tassi di sviluppo si appiattiscano: nel 2010 l’andamento di crescita ha conosciuto un segno negativo, con un – 2,5% rilevato, e all’interno di tale andamento, il settore dell’IT è decresciuto dell’1,4% e quello delle TLC del 3% (rispetto al -2,3% evidenziato nel 2009). A tal proposito si rileva un fenomeno in parte nuovo, secondo il quale a pagare il prezzo della decrescita sarebbero soprattutto le TLC mobili, con un -3,2%, rispetto al -2,6% riportato dal segmento del fisso. A nulla sembra servire, allora, il recupero di quasi dieci punti percentuali da parte dell’IT (“non è stato un anno bello – ha sottolineato Angelucci – anche se è stato un forte recupero rispetto all’anno precedente che vedeva un -8 addirittura”), visto che i tassi di crescita italiana non reggono il confronto con quelli registrati dagli altri grandi Paesi del mondo (che pure, lo abbiamo detto, sono legati a logiche definite “a macchia”, dunque non uniformi).

Si registrano degli andamenti costantemente negativi, in primis per il settore dei servizi, dovuti innanzitutto alla mancanza di nuovi progetti innovativi che diano un impulso significativo alla domanda e anche al permanere del processo vizioso di down pricing delle tariffe professionali, processo che sta rendendo il nostro Paese protagonista di un fenomeno di nearshoring, tale per cui numerose aziende straniere cominciano a trovar economicamente conveniente spostare in Italia, dove i costi sono convenienti, i propri processi di produzione. Non sembra essere sufficiente, per supplire le carenze in tal senso, il miglior andamento registrato nell’ambito del software e la tenuta di quello dell’hardware (grazie anche ai nuovi tablet pc).

Accanto a quelli che Capitani ha definito dei “bachi”, troviamo – è bene sottolinearlo – pure qualche “farfalla”. Ecco allora che un andamento positivo si riscontra in quei 13 milioni di accessi a banda larga, in crescita di quasi il 7%, ma anche nel numero di Sim che, nel nostro Paese hanno superato quota 95 milioni, a fronte di 46 milioni di utenti. Gli operatori virtuali di telefonia mobile (Mvno) hanno raggiunto, poi, i 3,7 milioni di utenti, anche se l’unico interlocutore realmente importante sembra essere Poste Italiane.

Con riferimento, poi, all’ultimo trimestre del 2011, la tendenza del mercato italiano continua a deludere le aspettative, disattendendo il segno positivo, nonostante la crescita dell’economia italiana, ma in linea con l’andamento di alcuni fondamentali indicatori rilevati dall’Istat: i consumi e la spesa corrente della Pubblica amministrazione sono fermi rispettivamente allo 0,7% e allo 0,1%, con investimenti fissi lordi in crescita di un solo punto e mezzo percentuale.
Più in particolare, il settore dell’Information Technology ha subito una nuova battuta d’arresto in questo intervallo di tempo, con un -1,3% registrato (contro il -2,9% nel primo trimestre 2010). La scomposizione della domanda rivela, in realtà, andamenti diversi: cresce dello 0,4% (contro un -1,5% del 2010) la parte software, dove la componente middleware si conferma la più dinamica, poiché di supporto a iniziative di datacenter trasformation e implementazione di architetture cloud; come nel primo trimestre del 2010, la parte hardware decresce (-2,1%, contro un -2,3% del 2010), evidenziando livelli di vendite superiori al milione di pezzi per tutto il 2011 ma solo per i tablet pc. I servizi it si attestano a -1,5% (-3,8% nel 2010) e l’assistenza tecnica a -2,9% (-4,9% nel 2010).

Il calo più forte, comunque, si è registrato nel settore delle TLC, con un -4,2%.
Con riferimento alle imprese che utilizzano la banda larga, la media italiana si attesta all’83%, definendo il nostro Paese a metà nella classifica europea: più precisamente, Calabria, Sardegna, Basilicata, Puglia, Molise e Trentino, con 77%, si collocano in posizioni inferiori (affiancandosi a Rep.Ceca, Irlanda, Ungheria), mentre Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, con oltre l’86%, si collocano nella parte alta (confrontandosi con Paesi come la Germania, la Gran Bretagna e la Svezia).
Complessivamente considerata, comunque, l’Italia digitale si situa al di sotto delle medie raggiunte dai 27 paesi Ue: le Pmi che vendono online sono il 3,8%, contro la media europea del 13,4%; le imprese che acquistano online sono il 16,5%, contro 26,4%; la popolazione che usa frequentemente Internet è il 45,7%, contro 53,1%; la popolazione che usa servizi di online banking è il 17,6%, contro 36%; i cittadini che usano servizi di eGovernment sono il 17,4%, contro 31,7%; le famiglie con accesso a banda larga sono il 48,9%, contro 60,8%; le famiglie con accesso a Internet sono il 59%, contro 70,1%; la popolazione che acquista online è il 14,7%, contro 40,4%; il fatturato delle imprese attraverso eCommerce rappresenta il 5,4%, contro 13,9%.

Bisogna quindi essere ottimisti o pessimisti per il futuro? Partendo dal presupposto che l’imprenditore deve, per definizione, essere ottimista, ci dice Angelucci, l’analisi di alcuni ulteriori dati impone una riflessione sulle prospettive future.

Tali dati mostrano un Paese che, malgrado tutto “si sta strutturando”: gli accessi broadband si sono attesti nel 2010 intorno ai 13,2 milioni, con una crescita quasi del 10% in un anno; gli utenti internet mobili (6,2 milioni) sono aumentati di 44,4 punti percentuali in un anno; il numero di app medio per ogni utente smartphone è stato di 30; l’e-commerce, dove le carenze del contesto italiano sono piuttosto accentuate, è cresciuto del 14%; l’advertising del +15%; 1,3 milioni sono stati gli account su Twitter e 17,8 milioni gli utenti di Facebook, dei quali 4 miloni hanno preferito la soluzione mobile; l’anno scorso sono stati venduti circa 430.000 di tablet, mentre quest’anno tra gli 800mila e gli 1,2 milioni. Tutti questi dati sottolineano il fatto che “gli italiani sono più veloci di chi dovrebbe fare la politica industriale: noi abbiamo le infrastrutture, allora dobbiamo utilizzarle”. Il valore del cloud computing in Italia è stato stimato l’anno scorso in 130 milioni di Euro e si prevede che nel 2013 tale cifra possa salire a 410 milioni, con una crescita annuale di quasi 50 punti percentuali: “è un nuovo modo di fare informatica, è un nuovo modo di fruire, soprattutto, informatica e quindi c’è tutta un’opportunità di crescita” (Angleucci).

Si è cercato anche di capire quale percentuale della domanda ICT provenga da componenti classiche e quale da componenti innovative. Nei servizi di telecomunicazioni, la componente innovativa dal 2009 al 2010 è aumenta del 4,7%, quindi, mentre nel 2009 la componente innovativa occupava il 27,7% (pari a 9.475 milioni di Euro) della totalità dei servizi telco, nel 2010 ha raggiunto il 30% (pari a 33.070 milioni); di conseguenza, la componente cosiddetta “classica” è diminuita del 6,4% (da un valore di 24.740 milioni di Euro, ad un valore di 23.145 milioni). Il valore complessivo stimato per il settore telecomunicazioni era di 34.215 milioni nel 2009 e di 33.070 nel 2011, con una diminuzione del 3,3%. “Vuol dire che è un Paese che è pronto per fare un salto di qualità”.

Tuttavia le incertezza in merito alle previsioni sul 2011 non cadono, oscillando tra una prospettiva pessimistica ed una ottimistica: nel primo caso, di sostanziale conferma del quadro attuale, il mercato ICT continuerà a scendere di circa 4,5 punti percentuali, con il settore delle TLC in maggior spinta verso il basso (-5,8%) e il settore IT in discesa attenuata (-0,8%). Nel caso, invece, in cui l’economia nazionale migliorasse e si attivassero fruttuose politiche di innovazione, la crescita del mercato ICT si potrebbe attestare ad un -0,1%, con un -0,6% per le TLC e un +1,3% per il mercato IT.
Il problema centrale – suggerisce sapientemente Angelucci – non è tanto capire se sia meglio essere ottimisti o pessimisti nei confronti della situazione presente e futura del mercato ICT italiano: “bisogna essere semplicemente innovatori”!

 

Pubblicato su: PMI-dome

Annunci

Moratoria: le nuove misure anti-crisi

Proroga dei termini per accedere alla moratoria prevista dall’Avviso Comune, allungamento nella durata del mutuo, rinegoziazione dei tassi e spinta per la capitalizzazione aziendale

Mancano gli ultimi dettagli da definire, manca una concreta formalizzazione, manca una sigla ufficiale da parte dei promotori, tuttavia pare ugualmente considerevole la portata del nuovo accordo di massima raggiunto lo scorso 31 gennaio nel corso del tavolo tecnico convocato presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e coordinato da Andrea Montanino, dirigente generale del Dipartimento del Tesoro. La Marcegaglia lo aveva rivelato a margine dell’assemblea generale di Confindustria a Padova: «siamo molto vicini al nuovo accordo sulla moratoria dei debiti delle Pmi. È importante. Abbiamo avuto oggi una riunione e stiamo andando nella direzione appunto di avere una proroga di sei mesi della moratoria e anche verso la possibilità di allungare di ulteriori 2-3 anni i debiti su cui si è fatta la moratoria».

Un accordo “importante”, dunque, che ha inteso introdurre e definire delle ulteriori procedure e modalità di sostegno alle piccole e medie imprese, ancora ben lontane dallo sconfiggere la lunga scia della crisi internazionale. Ad essere coinvolte, oltre a Confindustria e Ministero dell’Economia, sono state anche Abi (associazione bancaria italiana) e tutte le associazioni produttive che rappresentano l’universo delle imprese e che fanno parte dell’Osservatorio permanente sui rapporti banche-imprese, quindi gli originali firmatari del cosiddetto “Avviso Comune” del 3 agosto 2009per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio”.

Quattro, in particolare, sarebbero le novità introdotte dall’intesa.

Innanzitutto pare verrà prorogata di ulteriori sei mesi la possibilità – prevista dall’Accordo Comune per le piccole e medie aziende – di accedere alla moratoria di un anno, la cui scadenza era prevista in origine per il 31 gennaio 2011; in altri termini, le Pmi che non ne hanno ancora usufruito, avranno la possibilità, fino al 31 luglio 2011, di chiedere una moratoria di un anno sui debiti maturati. Già in precedenza (a inizio luglio 2010) era stata spostata di 7 mesi la scadenza del termine per chiedere la sospensione, passando, quindi, dal 30 giugno 2010 previsto nell’Avviso originario, al 31 gennaio 2011; tale scelta era stata a suo tempo salutata con particolare favore dal Presidente dell’ABI, Corrado Faissola, secondo il quale «il varo della proroga evidenzia l’efficacia dello strumento, che ha permesso di far fronte da un momento particolarmente difficile».

Le due proroghe sembrano voler “andare incontro all’esigenza di rendere pienamente operativa la sospensione dei finanziamenti e delle operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica deliberata da numerosi enti pubblici”,

Vale la pena ricordare come i dati ufficiali dell’ultimo monitoraggio, che fotografa l’utilizzo dell’Avviso comune, segnalino 237 mila domande di sospensione pervenute al 31 ottobre 2010, 183 mila delle quali, “tenendo conto dei tempi di istruttoria (circa 30 giorni)”, sono state accolte, corrispondenti ad un debito residuo di quasi 55 miliardi di euro. 230 mila erano state, invece, le domande presentate dalle imprese al 30 settembre 2010 (per un controvalore complessivo di finanziamenti in essere pari a 67 miliardi di euro), 179 mila delle quali (54 miliardi) erano state accolte, sempre considerando i tempi necessari per l’analisi delle domande stesse. Nell’undicesima rilevazione, ad agosto 2010 le domande erano state 225 mila, per un controvalore di 66 miliardi di euro. La dinamica delle domande di moratoria sembra, quindi, mostrare un andamento in positivo, superando di gran lunga i dati rilevati con riferimento alle prime settimane di piena applicazione della misura: le domande pervenute al 31 ottobre 2009 erano state, infatti, circa 46 mila, 27 mila delle quali accolte, per un controvalore di 2 miliardi di euro in mutui sospesi

Il secondo aspetto toccato dall’accordo coinvolge, invece, quelle aziende che già hanno usufruito della moratoria, le quali potrebbero vedersi allungata di due o tre anni la durata del debito, con una rata più contenuta e a condizioni probabilmente differenziate a seconda del tipo di mutuo, ad esempio chirografario (detto di un finanziamento che, essendo di modesta entità, non viene garantito da un’ipoteca, ma semplicemente da un impegno del debitore attraverso sottoscrizione cartacea) o ipotecario.

Con riferimento specifico a questa possibilità di ottenere un’ulteriore dilazione dei termini per la restituzione del finanziamento, vale la pena sottolineare il fatto che il Ministero potrebbe decidere di coinvolgere la Cassa depositi e prestiti, allo scopo di fornire fondi alle banche affinché i finanziamenti protratti nel tempo avvengano a condizioni più favorevoli rispetto a quelle presenti sul mercato. La CDP è, infatti, una “Società per azioni a controllo pubblico: lo Stato [nella figura del Ministero dell’Economia e della Finanza] possiede il 70% del capitale di CDP, mentre il restante 30% è posseduto da 66 Fondazioni di origine bancaria”; il suo ruolo di sostegno alle PMI nell’attuale situazione italiana potrebbe rivelarsi, allora, particolarmente importante e rientrerebbe, certo, nel quadro della più ampia missione istituzionale che essa intende dichiaratamente perseguire, quella, cioè, di “finanziare lo sviluppo del Paese”. In alternativa si potrebbe scegliere di ricorrere al Fondo centrale di garanzia per le PMI, istituito, con Legge 662/96, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, gestito dal Medio Credito Centrale, e avente lo scopo di “facilitare l’accesso al credito”: in questo modo l’allungamento del prestito potrebbe essere effettuato al tasso contrattuale e non al tasso di mercato.

Dal canto loro, alcune banche potrebbero mettere a disposizione delle imprese prodotti finanziari semplici per la rinegoziazione dei tassi: alle aziende che chiederanno il prolungamento, verrà, allora, data la possibilità (e in questo si esplicita il terzo tra i punti principali dell’intesa) di coprirsi dal possibile rischio tassi, chiedendo alla banca che ha sottoscritto il nuovo accordo di mettere loro a disposizione uno strumento finanziario per la rimodulazione del debito; in sostanza si tratterebbe di valutare l’ipotesi del passaggio da un tasso variabile ad un tasso fisso o eventualmente, come già accade per i mutui alle famiglie, ad un tasso variabile con “cap”, cioè con un limite massimo predeterminato oltre il quale il tasso d’interesse non potrà mai salire, anche nel caso in cui i tassi di mercato dovessero superarlo.

L’ultimo dei punti fondamentali trattati dall’intesa riguarda invece la riformulazione di una precedente disposizione, considerata troppo rigida, in materia di capitalizzazione aziendale: la banca potrà intervenire non più, come recitava il testo originario dell’avviso comune, con un finanziamento per un ammontare multiplo della somma messa a disposizione dall’imprenditore per la sua azienda, ma con un finanziamento che si collochi in un rapporto adeguatamente proporzionato con tale somma (un rapporto, quindi, anche del tipo uno a uno o persino un finanziamento pari alla metà del capitale apportato dall’imprenditore).

Viste le intense preoccupazioni che da più parti si erano sentite in vista dell’imminente scadenza del termine fissato al 31 gennaio, si pensa che le disposizioni definite in sede di formalizzazione dell’accordo avranno effetti retroattivi e si sta cercando di accelerare i tempi di tale formalizzazione (la firma dovrebbe avvenire entro le prossime due settimane), per arrivare alla quale sarà necessaria un’attenta valutazione da parte dei vertici ministeriali, dell’ABI e delle associazioni coinvolte (Casartigiani, Confederazione Italiana Agricoltori, Claai, Cna, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confedilizia, Confesercenti, Confetra, Confindustria e Legacoop).

Auspica, in particolare, dei tempi rapidi di approvazione Maurizio Fugatti, capogruppo del Carroccio in commissione Finanze alla Camera, esprimendo la propria soddisfazione per l’accordo che – ricorda – era stato «richiesto dalla Lega con un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Economia»: «in un periodo in cui tutti i settori produttivi sono stati messi a durissima prova, dare un riconoscimento alle nostre Piccole e medie imprese, che storicamente hanno fatto da traino all’economia del Paese, ci sembra d’importanza vitale»; «in questo modo – sottolinea – si eviterà di mettere a repentaglio l’equilibrio finanziario delle nostre imprese. La moratoria seguita alla grande crisi che ha colpito tutte le economie occidentali, è stata infatti uno strumento efficace per alleviare le tensioni finanziarie».

 

Anche R.ETE. Imprese Italia – il “soggetto unico di rappresentanza del mondo dell’imprenditoria diffusa” che “intende favorire la promozione e il consolidamento delle imprese come componenti fondamentali del sistema economico e della società civile, nonché il riconoscimento del loro ruolo a tutti i livelli di interlocuzione istituzionale e privata” – pare aver valutato positivamente l’accordo di massima raggiunto poiché, si legge in una nota, esso permetterebbe di “preservare il dialogo e il clima di collaborazione tra le imprese, il sistema bancario e il Governo che si è sviluppato in occasione dell’accordo siglato nel 2009”. Secondo Rete Imprese Italia “l’accordo prevede strumenti utili ad accompagnare gli imprenditori nel percorso di uscita dalla crisi, privilegiando iniziative di crescita e di sviluppo rispetto a operazioni di semplice copertura di perdite relative a finanziamenti pregressi”. Le uniche perplessità, pur non ulteriormente specificate, vengono espresse “sugli strumenti per il contenimento del rischio tasso”.

Facciamo un piccolo passo indietro e cerchiamo di capire quali siano le aziende che possono godere dell’agevolazione e della proroga e in quali termini: l’accordo di massima appena raggiunto prevede che tutte le altre condizioni di accesso all’Avviso Comune del 3 agosto restino invariate, così come le disposizioni della successiva integrazione del gennaio 2010 (Addendum) all’Avviso, riguardante l’estensione dell’accordo alle imprese agricole (“resa necessaria per garantire anche alle imprese agricole un adeguato sostegno finanziario”) e ai finanziamenti con contributo pubblico.

Di conseguenza gli interventi previsti sono (punto 2 dell’Avviso comune):

– operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate di mutuo;

– operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente ‘immobiliare’ ovvero ‘mobiliare’;

– operazioni di allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine per sostenere le esigenze di cassa, con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi e esigibili;

A queste operazioni l’Addendum ha aggiunto:

“- operazioni di allungamento a 120 giorni delle scadenze del credito a breve termine stipulato ai sensi dell’articolo 43 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 [relativo al credito agrario e peschereccio], perfezionato con o senza cambiali. Sono esclusi dalla misura i finanziamenti a breve di anticipazione dei premi comunitari.

Sono ammesse, più precisamente, alle operazioni appena descritte “le piccole e medie imprese – come definite dalla normativa comunitaria – con una situazione economica e finanziaria che possa provare la continuità aziendale ma che a causa della crisi presentino difficoltà finanziarie temporanee”; “in particolare, sono ammissibili le imprese che alla data del 30 settembre 2008 avevano esclusivamente posizioni classificate dalla banca ‘in bonis’ e che al momento della presentazione della domanda non hanno posizioni classificate come ‘ristrutturate’ o ‘in sofferenza’ ovvero procedure esecutive in corso” (punto 3 dell’Avviso comune). Deve inoltre essere rispettato un particolare “parametro della dimensione”: l’impresa dovrebbe avere meno di 250 dipendenti e un fatturato minore di 50 milioni di euro (oppure un totale attivo di bilancio fino a 43 milioni di euro).

Chiudiamo, infine, sottolineando i principali obiettivi (punto 1 dell’Avviso) che hanno spinto i promotori dell’iniziativa a varare queste misure, poiché sono proprio tali obiettivi che, pur all’origine di tutto, devono esser fortemente tenuti in considerazione nel valutare qualsiasi ulteriore passo a sostegno dell’attività imprenditoriale piccolo-media, contro il forte lascito della crisi: “favorire la continuità dell’afflusso di credito al sistema produttivo, fornendo alle Piccole e Medie Imprese, come definite dalla normativa comunitaria, con adeguate prospettive economiche, e che possano provare la continuità aziendale, liquidità sufficiente per superare la fase di maggior difficoltà a causa della crisi ed arrivare al momento della ripresa economica nelle migliori condizioni possibili”; promuovere il processo di patrimonializzazione delle PMI, “per le quali le tensioni sono particolarmente acute anche a causa della minore solidità finanziaria”.

Pubblicato su: PMI-dome

Rinnovata la Convenzione ICE-Confindustria

Sostegno alle imprese che intendano affacciarsi sui mercati esteri, attraverso una serie di facilitazioni e di servizi

Il rinnovo dell’accordo delinea un passo importante nella collaborazione ICE-Confindustria e acquisisce sempre maggiore importanza in una fase in cui è oltremodo necessario che le imprese guardino al di là dei confini nazionali”: l’accordo cui fa riferimento il Vice Presidente di Confindustria Paolo Zegna è quello stipulato con Umberto Vattani, Presidente dell’ICE (Istituto nazionale per il Commercio Estero), l’Ente sottoposto alla vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico “che ha il compito di sviluppare, agevolare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l’estero, con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti”.

Scopo della Convenzione, rinnovata appunto in questi giorni dai due enti, è sostenere le diverse imprese che mostrino l’intenzione di affacciarsi o consolidarsi sui mercati esteri, a conferma dell’importanza data alla valorizzazione di qualità, creatività e flessibilità delle aziende, sostenendo, in particolare, il settore dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo, fondamentale se si ha a cuore la crescita del benessere e dell’occupazione italiana.

Entrando un po’ nello specifico dell’intesa, vediamo, innanzitutto, che essa è riservata alle imprese aderenti a Confindustria, alle organizzazioni confederate, a Federexport e Consorzi associati, e prevede una serie di facilitazioni e di servizi da parte dell’Istituto, alcuni dei quali gratuiti. Come sottolinea Umberto Vattani, si tratta di “un accordo importante che rafforza la collaborazione tra ICE e Confindustria a beneficio delle imprese e mette a disposizione delle aziende la carta servizi ICE-Confindustria a prezzo agevolato”. Proprio così: con soli 180 Euro più Iva le aziende del sistema confederale potranno avere a disposizione una Carta Servizi che permetterà loro di essere inseriti automaticamente nel catalogo dell’offerta italiana “The Made in Italy – Business Directory” del Portale ICE, catalogo rivolto agli operatori esteri e destinato ad offrire una maggiore visibilità alle imprese italiane che desiderino incrementare le proprie prospettive d’affari, offrendo loro la possibilità di creare una sorta di “vetrin virtuale” dei propri prodotti. Oltre a questo, le realtà che decideranno di aderire all’iniziativa potranno utilizzare liberamente le strutture e gli uffici dei punti di corrispondenza ICE all’estero, potranno accedere ai servizi informativi on-line, come da Catalogo Servizi ICE, e potranno godere delle agevolazioni contenute nelle convenzioni degli Uffici ICE all’estero con studi legali e commerciali locali, o con agenzie che erogano servizi di interpretariato e con alberghi (inclusa l’assistenza gratuita per le prenotazioni in questi ultimi). Sconto del 25%, infine (esclusi i costri esterni), su tutti i servizi a pagamento indicati nel Catalogo “I servizi ICE per le imprese”.

Promozione, sviluppo e difesa del Made in Italy, attraverso l’orientamento e il sostegno delle imprese nei mercati esteri e facilitando l’investimento nelle aree economiche in ascesa, anche attraverso delle attività di stampo formativo: queste le linee guida dell’azione congiunta di ICI e Confindustria, che, ci auguriamo, porterà presto le piccole e medie imprese italiane a mettersi in gioco su nuovi mercati potenzialmente fruttuosi.

Pubblicato su: PMI-dome

Confindustria: entro il 2015 superamento del Digital Devide

In occasione del “Summit 2010 – col ferro e col silicio” si è riflettuto sul rapporto tra imprese e digitalizzazione, sostenendo la necessità di un cambiamento nell’impostazione e di interventi rivolti più specificatamente al territorio

Gestire il passaggio da una situazione di Digital Divide ad una di Digital Prosperity: questo l’obiettivo dichiarato da Confindustria, in occasione del “Summit 2010 – col ferro e col silicio”, organizzato da Aib (Associazione industria bresciana) e Csmt (Centro servizi multisettoriale e tecnologico).

Stando a quanto dichiarato da Gabriele Galateri di Genola, delegato di Confindustria per le Comunicazioni e la Banda Larga, oltre che Presidente di Telecom Italia, fondamentale sarebbe «realizzare entro il 2015 il superamento del divario digitale, garantendo una copertura a 20 mega su tutto il territorio e ultrabroadband per i grandi centri urbani e le aree a forte concentrazione industriale, completando la digitalizzazione della Pa».

L’incontro, presso la sede di Aib, ha riunito rappresentanti e top manager di aziende medio-grandi, responsabili Cio delle multinazionali, vertici della Camera di commercio locale, Università di Brescia, docenti del Politecnico di Milano, come l’Amministratore delegato Cefriel Alfonso Fuggetta, Andrea Masini dell’Hec (l’Ecole des hautes études commerciales Paris). Esso è stato occasione di riflessione sulle opportunità di creazione o trasformazione del business messe a disposizione dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nella profonda convinzione che le PMI italiane possano riemergere più forti dall’attuale situazione di cosiddetta “crisi”, grazie anche – e forse soprattutto – all’uso sapiente e innovativo delle tecnologie ICT. Digitale e banda larga sono, sottolinea ancora Galateri di Genola, «strategici per la competitività del paese, con Confindustria impegnata in un progetto di sistema che si traduce in efficienza aziendale, risparmio, dematerializzazione cartacea e business».

Pare che le aziende e gli apparati decisionali italiani stiano iniziando a cogliere l’importanza strategica dei sistemi informatici, investendo risorse e sforzi lungo questo percorso di digitalizzazione; «gran parte delle nostre proposte sono state recepite nel piano del ministro Romani per l’abbattimento del digital divide e nel Piano e-gov 2012 del ministro Brunetta. Tuttavia, ad oggi, anche a causa della crisi economica, questi piani sono stati realizzati solo in parte». Il problema pare essere soprattutto di impostazione: il processo di informatizzazione viene ancora considerato esclusivamente un veicolo di innovazione, non uno strumento utile alla riorganizzazione della gestione, funzionale alla costruzione di nuovi modelli di business. Secondo Galateri di Genola ciò avverrebbe a causa della scarsa «alfabetizzazione digitale».

Conferma il professor Fuggetta: «l’ICT nelle aziende è stato considerato per molto tempo come un’insieme di strumenti per far funzionare meglio l’impresa a supporto dei metodi classici. Era utilizzato soprattutto per la gestione interna e per il sito web ma non incideva direttamente sul funzionamento dell’impresa. Oggi l’informatizzazione aziendale ha però un ruolo diverso, è entrata pesantemente in tutti gli aspetti della vita dell’impresa».

È un divario dal doppio volto, insomma, quello esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi ne è escluso, implicando non solo carenze nel lato tecnico, ma anche in quello della consapevolezza sulle reali potenzialità. Si pensi, ad esempio, ai risparmi che deriverebbero dalla dematerializzazione dei documenti cartacei della Pa, o dall’utilizzo di fascicoli sanitari elettronici, posta elettronica certificata, firma digitale e fatturazione elettronica. «Secondo il IV rapporto della Fondazione PromoPA il costo delle pratiche burocratiche per una piccola impresa è pari al 7% del proprio fatturato» continua Gabriele Galateri. «In Europa occidentale secondo una analisi di Forrester Research, si passerà dai 68 miliardi di euro del 2009 ai 114,5 miliardi del 2014 per le vendite realizzate con commercio elettronico. E in Europa è stimato un tasso di crescita dell’11% per le vendite online». «Per ogni euro investito nel settore Ict si sviluppa un euro e 45 di Pil (dati Ocse) e gli investimenti in Ict hanno contribuito al 50% della crescita della produttività europea negli ultimi 15 anni».

Da qui la necessità di inserirsi nel flusso di una nuova coscienza gestionale, che faccia dell’ICT il proprio punto di forza: pur conservando «la personalizzazione dei codici e dei procedimenti, per non perdere specificità rispetto alla concorrenza», considera Andrea Masini, «è necessario capire che l’informatizzazione può cambiare il modello di business».

Come strategia per superare il gap digitale nelle piccole e medie imprese, Confindustria sta sviluppando, in collaborazione con Aldo Bonomi (vicepresidente per le Politiche Territoriali) un progetto per la creazione di distretti industriali e, in generale, intende rendere più forte la propria presenza sul territorio, così da poter cogliere e dare soddisfazione alle reali esigenze, anche di natura finanziaria, in capo alle aziende.

Pubblicato su: pmi-dome

Rapporto Asstel sulla filiera TLC/ICT: un mercato in declino

Presentato al convegno Asstel su “Le Telecomunicazioni per l’Italia” un rapporto che rivela una contrazione nel fatturato degli operatori di TLC di circa 3 miliardi, con ripercussioni su tutta la filiera

Si è tenuto mercoledì 27 ottobre a Roma il convegno Asstel (l’Associazione che rappresenta la filiera delle comunicazioni elettroniche nel sistema Confindustria) su Le Telecomunicazioni per l’Italia: occasione di confronto tra gli operatori del settore, i sindacati, il Governo, il Parlamento e le Autorità, l’incontro ha inteso approfondire le tematiche più attuali nel mondo delle telecomunicazioni e delle tecnologie ICT, per cogliere l’importanza di un loro sviluppo a beneficio dell’intero Paese.

È nell’ambito di tale convegno che sono stati presentati i risultati del primo rapporto sulla filiera TLC/ICT realizzato dalla società di analisi Analysys Mason; un rapporto che evidenzia una situazione in continuo declino, un mercato che dal 2006 continua a perdere colpi, vista la contrazione, anche nell’ultimo semestre, di oltre due punti percentuali (2,3%), rispetto allo stesso periodo del 2009. La colpa non sembra essere attribuibile alla crisi internazionale, che ha solo accentuato una contrazione di natura strutturale; a pesare sono, invece, l’inarrestabile declino del traffico voce, il ritardo nella banda larga rispetto agli altri paesi europei, il difficile equilibrio con i nuovi protagonisti del Web e l’avvento dei cosiddetti grandi attori esterni.

Entriamo un po’ più nel dettaglio, con qualche dato significativo: negli ultimi quattro anni, il fatturato degli operatori di TLC è diminuito di circa 3 miliardi, di cui 1,6 nel fisso e 1,4 nel mobile, segnando un andamento in negativo che si è ripercosso su tutta la filiera. «La penetrazione del mobile si conferma forte, con circa 10 milioni di linee in più e un tasso che sfonda il 150% – ha confermato Ciccone, Associate Partner Analysys Mason – mentre va diversamente per le linee fisse, che sono calate di 5 milioni, ponendoci agli ultimi posti in Europa con il 77% di penetrazione. Anche per la banda larga fissa le notizie non sono buone, con un timido aumento del 7,3% di accessi in più, tra il 2009 e il 2010, e un dato nazionale che supera appena il 51%».

Malgrado i prezzi tutto sommato proporzionati a quelli europei, un’offerta di servizi a banda larga che copre il territorio per l’88% e una velocità di accesso in linea con gli altri Paesi, l’Italia mostra una bassa penetrazione della banda larga fissa, che in Francia è al 76%, in Gran Bretagna al 68%, in Germania al 64% e in Spagna al 56%. La penetrazione della banda larga mobile sembra essere la più alta in Europa, ma non sufficiente a portare il livello totale (fisso più mobile, al 67%) in linea con gli altri Paesi.

Lo studio di Analysys Mason rivela, inoltre, una bassa alfabetizzazione informatica nell’uso del pc e di altri device di accesso alla rete, spesso dovuta ad uno scarso interesse per la tecnologia delle comunicazioni (25%) o ad una difficoltà oggettiva nell’utilizzo dei dispositivi elettronici (41%). Per questo motivo, probabilmente, anche i tassi di utilizzo di servizi di eGovernment, ad esempio, sono tra i più bassi in Europa, 79% contro la media Europea dell’82%.
Nonostante la diminuzione nei margini di guadagno, le imprese italiane hanno comunque continuato a puntare sulla qualità: i livelli d’investimento sono pari al 14%, ponendoci al secondo posto dopo la Gran Bretagna, mentre il costo del personale è rimasto invariato da 5 anni.

Stando al Rapporto, i punti su cui si dovrebbero concentrare le energie e le risorse sono: alfabetizzazione digitale, utilizzo di Internet, banda larga, mercato unico digitale, interoperabilità e standard, ricerca ed innovazione, inclusione digitale. Il tutto nel più breve tempo possibile, con il 50% della popolazione che tra il 2015 e il 2020 deve poter accedere alla banda larga ultraveloce, ai servizi di eCommerce e eGovernment.

«Questo convegno è la prima occasione pubblica di discussione sui temi che uniscono le aziende della filiera delle TLC – ha concluso Stefano Parisi, Presidente di Asstel – Il settore ha fatto molto per il Paese e continuerà a farlo, attraverso un mercato tra i più dinamici e concorrenziali, che ha contribuito in modo consistente alla riduzione dell’inflazione, ha attratto ingenti investimenti esteri e nazionali, assicurato un forte contributo all’erario, sviluppato un nuovo indotto di servizi in outsourcing […]. Le imprese di Tlc sono pronte a fare la loro parte con nuovi investimenti sullo sviluppo delle reti e dei nuovi servizi. Al Governo non chiediamo soldi ma l’impegno a realizzare anche in Italia l’Agenda Digitale per la modernizzazione del nostro sistema economico».

Pubblicato su: pmi-dome