Internazionalizzazione: sempre più indispensabile per le PMI

Dalle indiscrezioni sui risultati del primo studio “Focus PMI”, pare che vi sia una certa dipendenza dalla domanda estera per incrementare il volume d’affari aziendale

Sono state diffuse, in questi giorni, alcune significative anticipazioni riguardanti i risultati del primo studio avviato da Focus PMI, l’Osservatorio di analisi permanente sul sistema delle Piccole e Medie Imprese italiane, frutto della collaborazione tra LS Lexjus Sinacta (gruppo indipendente di oltre 150 avvocati e commercialisti associati) e Istituto Guglielmo Tagliacarne (Fondazione di Unioncamere che “promuove la cultura economica, realizza analisi e studi economico-statistici sulle piccole e medie imprese e sull’economia territoriale”).

Focus PMI si propone, in particolare, di analizzare i temi economici di più forte attualità, attraverso un’attività di ricerca i cui risultati verranno presentati ogni anno nel corso di una convention, alla quale parteciperanno noti esponenti del mondo politico-economico: la prima edizione dell’evento è in programma per venerdì 13 maggio a Bologna e riguarderà le reti per l’internazionalizzazione delle PMI. Lo scopo è quello di monitorare costantemente la situazione imprenditoriale italiana, potendo contare su dati sicuramente aggiornati e su analisi di approfondimento, con l’intenzione di stimolare il dibattito, il confronto attorno alle questioni di maggior rilevanza per le piccole e medie realtà aziendali.

Stando alle prime indiscrezioni su quanto emerso dall’indagine, pare che vi sia un’elevata dipendenza del volume d’affari aziendale complessivo dalla domanda estera e questo sarebbe vero tanto per le imprese coinvolte in processi di Investimenti Diretti Esteri (IDE) in entrata (per loro il 55,5% del fatturato totale deriva dall’estero), quanto per le aziende promotrici di Investimenti Diretti Esteri in uscita (la quota a loro riferita è di 46,2 punti percentuali). La metà delle imprese coinvolte in tali processi, inoltre, avrebbe dichiarato di aver accresciuto il proprio volume d’affari nel corso del 2010, puntando su miglioramenti nella produzione, in termini di qualità dell’offerta e di efficienza nei processi, e rendendo, di conseguenza, più competitivi i prezzi.

L’analisi ha coinvolto, poi, anche il profilo strutturale delle Reti Internazionali tra imprese, arrivando a sottolineare come i tre quarti delle imprese intervistate operino in una Rete di questo tipo da quasi dieci anni e come il 44,3% si relazioni con più di dieci imprese estere. Anche dal far parte di simili reti deriverebbe, allora, un certo vantaggio competitivo, capace di supplire alle ridotte capacità di tipo dimensionale. La creazione di queste reti sembra essere, quindi, necessaria per poter affrontare un processo di internazionalizzazione, processo visto sempre più come indispensabile per le piccole e medie realtà.

Le criticità legislative derivanti dai processi di internazionalizzazione, infine, sarebbero in parte superate grazie all’intervento di supporto ad opera di specifiche società di consulenza legale e fiscale: il 65% delle imprese si dichiara soddisfatto di aver affidato tali competenze in outsourcing.

Pubblicato su: PMI-dome

Hyper approfondisce “Le novità sulla Gestione dei rifiuti”

Il 9 marzo a Como e il 15 marzo a Roma: due incontri per illustrate nel dettaglio le modifiche introdotte dal d.lgs. 205/10, cd. Corretivo-quater, alla Parte IV del d.lgs. n. 152/2006, cd. Testo Unico Ambientale

Sfruttando la propria specifica esperienza nel campo dell’editoria giuridico-ambientale rivolta alle imprese e alle amministrazioni pubbliche, Hyper ha scelto di predisporre due seminari allo scopo di approfondire le novità introdotte dal D.Lgs. 205/10 e di offrire indicazioni operative sul SISTRI .

Il decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, recante “Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive”, ha imposto numerose modifiche alla disciplina relativa alla gestione dei rifiuti, prevista dalla Parte IV (“Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati”) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante “Norme in materia ambientale” e noto agli addetti del settore come “Testo Unico Ambientale”. Entrato in vigore il 25 dicembre 2010 e composto da 39 articoli e 5 allegati, il cosiddetto “Correttivo-quater” ha, in particolare, fornito nuove indicazioni circa il sistema per il controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) e ha introdotto numerose modifiche ed integrazioni in materia di: responsabilità estesa del produttore, gerarchia dei rifiuti, programma prevenzione rifiuti, obiettivi di recupero e riciclaggio, deposito temporaneo, combustibile da rifiuti, classificazione dei rifiuti, sottoprodotto, esclusioni dall’applicazione della disciplina dei rifiuti, terre e rocce da scavo, Albo Gestori Ambientali.

Il primo dei due incontri, predisposto in collaborazione con Sviluppo Impresa (Azienda Speciale della Camera di Commercio di Como), si terrà il 9 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 17.30, presso l’Aula Magna del Polo territoriale di Como del Politecnico di Milano; il secondo, realizzato in convenzione con Federambiente, avrà luogo il 15 marzo, sempre dalle ore 10.00 alle ore 17.30, presso la Sala Convegni della Fondazione Rubes Triva a Roma. Ad illustrare nel dettaglio le tematiche oggetto del seminario saranno alcuni degli autori di Hyper: è previsto l’intervento della d.ssa Elena Bonafè, del dott. Marcello Franco e del dott. Luca Passadore (in attesa di conferma dott. Daniele Bagon).

Per ulteriori informazioni circa il programma, le modalità e la quota di iscrizione, consigliamo di visitare il sito di Hyper o di rivolgersi direttamente alle segreteria organizzativa.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA
HYPER S.r.l.
Via Degan 12 – 30172 Mestre Venezia
Numero Verde 800 939492  – tel.041/976896 – fax 041/985730
email: info@hyperedizioni.com

 

Pubblicato su: PMI-dome